Isernia / Ponte San Leonardo. Un libro di ricette curato dai detenuti: al via il progetto “Cuochi e Sbarre”, concorso nazionale rivolto a tutti i detenuti d’Italia.

isernia carcere“Cuochi e Sbarre”, è il concorso nazionale rivolto a tutti i detenuti d’Italia ed organizzato anche dalla casa circondariale di Ponte San Leonardo ad Isernia, unitamente al Rotary Club. Scopo del progetto,  finanziato dall’Impresa di Costruzioni Buono, è quello raccogliere in una pubblicazione le ricette che i detenuti creano in carcere: ad esse possono scrivere le loro sensazioni e pensieri liberi. Il ricavato della pubblicata verrà destinato al sostegno dell’associazione di persone diversamente abili Afasev, sempre di Isernia. “L’obiettivo del progetto è altamente rieducativo e risocializzante per i detenuti in quanto non si tratta di un mero ricettario – hanno precisato dal carcere – ma si configura come un’occasione per il detenuto di riflettere ed esprimere il valore psicoaffettivo che può rivestire il piatto che ama preparare, utile ad una rielaborazione introspettiva del proprio percorso di vita, così come una opportunità di ‘riparazione’, ‘risarcimento’ nei confronti della comunità ferita dai loro reati, coniugando perfettamente il senso ed il valore dei modelli di giustizia rieducativa e riparativa. Antonio Buono provvederà personalmente alla premiazione delle prime tre ricette contraddistinte dalla migliore riflessione introspettiva sul percorso di recupero intramurario effettuato dai ristretti concorrenti, valutate da una giuria tecnica individuata dal presidente del Rotary Club di Isernia Gabrielle Marinelli”. Gli elaborati in concorso dovranno pervenire entro e non oltre il 31 marzo prossimo. La premiazione avverrà entro il 30 giugno nella Sala Teatro dell’istituto di pena.

Stampa

comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

menu
menu