ALIFE. Appalto del servizio di supporto alla gestione delle entrate tributarie per gli anni 2015/2017, in materia di Imu, Tares, Iuc: se ne occuperà la società Geropa, sconfitta ancora una volta la Pubblialifana Srl, solo terza in graduatoria.

piedimonte matese pubblialifanaLa società di Roma è riuscita a garantire il servizio con un ribasso, sul prezzo netto per l’esecuzione dell’appalto, del 41%.

La gestione delle entrate comunali sarà affidata, per il prossimo triennio al Comune di Alife, alla Geropa S.a.s. di Rossini Rocky con sede in Roma, che con il punteggio di 97,50 vince la procedura aperta, indetta dall’ente guidato dal Sindaco Giuseppe Avecone, per l’appalto del servizio di supporto alla gestione delle entrate tributarie per gli anni 2015/2017. Saranno l’Imu, l’imposta municipale, la Tares, l’imposta sulla spazzatura, ma anche la Iuc, l’imposta unica comunale che dovrebbe, nelle intenzioni del governo centrale, andare a sostituire tutti i tributi locali, oltre a tutte le altre imposte locali che saranno istituite in tale periodo, l’oggetto del contratto che si andrà adesso a stipulare tra l’ente alifano e la società di riscossione, oltre naturalmente alla bonifica delle banche dati dal 2012 al 2014. L’affidamento del servizio, avviato con determina del giugno scorso, mediante procedura aperta con il criterio dell’offerta economica più vantaggiosa, ha visto la presentazione di 4 offerte da altrettanti società: la graduatoria finale, stilata da apposita commissione di gara all’uopo istituita, ha visto primeggiare la suindicata società di Roma (il punteggio di 97,50 si compone di un’offerta tecnica, a cui sono stati attribuiti 67,50 punti, e di una economica, che ha fruttato 30 punti); al secondo posto si è classificata l’Aerarium S.r.l. (93,28 il punteggio complessivo); solo terza la Pubblialifana S.r.l. (87,48 di punteggio), società con sede in Piedimonte Matese che già si era occupata negli anni passati del servizio e che si era concluso non senza strascichi polemici; ultima classificata la Siteo S.a.s. La società di Roma è riuscita a garantire il servizio con un ribasso, sul prezzo netto per l’esecuzione dell’appalto, del 41%.

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

menu
menu