ALIFE / BELLONA. “Vincenzo m’è padre a me”: il celebre attore Franco Melidori del capolavoro “Miseria e nobiltà” di Totò alla proiezione curata dall’alifano Gianni Fappiano. FOTO e VIDEO.

Franco Melidoni interpretò “Peppiniell” in “Miseria e nobiltà”: la Teca bellonese, il cinema alifano “Venditti”, l’archivio personale di famiglia dell’appassionato Gianni…

Ospite d’eccezione, alla proiezione curata dall’alifano Giovanni Fappiano, Franco Melidoni (nella foto, in alto, con Fappiano), il celebre, ed allora giovanissimo, attore del film “Miseria e nobiltà”, capolavoro di Totò del 1955.

Peppiniell, con la sua frase storica: “Vincenzo m‘è padre a me”. Uno speciale ringraziamento al Maestro Mario Ciro Sorrentino (nella foto, a lato). Grazie ancora alla Teca bellonese che ci fa rivivere ancora il fascino della proiezione in pellicola – ci tiene a sottolineare l’appassionato Giovanni, per gli amici, Gianni, che ha sempre seguito il papà Antonio quando nel centro storico di Alife si proiettavano i film, ancora in pellicola, nella celeberrima struttura – cinema “Venditti”.

Stavolta è stata occasione, presso l’Associazione Teca bellonese di Bellona, per la proiezione del film a 35mm “Lascia o raddoppia”, sempre interpretato dall’indimenticato Antonio De Curtis, in arte Totò: pellicola direttamente dall’archivio personale di famiglia dell’appassionato Gianni.

Gianni e suo padre Antonio Fappiano, si sono occupati, tempo fa, anche del restauro di un proiettore che, in passato, ha incantato nelle proiezioni molti alifani, e non solo, sempre nel cinema “Venditti”.

(LEGGI QUI l’articolo del restauro)

.

Guarda il VIDEO proiettato alla Teca bellonese

Guarda il VIDEO con Peppiniell

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

menu
menu