CALVI RISORTA. Azienda di lavorazione marmi completamente abusiva scovata dalla Finanza: cessata nel 2015 continuava ad operare.

Gli interventi dei finanzieri hanno riguardato per lo più autocarrozzerie, calzaturifici, officine di autoriparazione, falegnamerie, lavorazione del ferro e siti di raccolta di rottami metallici.

militari della Compagnia di Capua che hanno individuato e sequestrato in Calvi Risorta un’azienda di lavorazione marmi, completamente abusiva. L’azienda continuava ad operare sebbene avesse cessato la propria partita iva già nel 2015 e non avesse più alcuna autorizzazione all’esercizio dell’attività commerciale. Ovviamente non era stato istituito alcun registro di carico e scarico dei rifiuti, tanto che la pattuglia intervenuta ha rinvenuto cumuli di scarti di lavorazione abbandonati sui terreni antistanti. Per non farsi mancare niente, il titolare utilizzava anche due dipendenti in nero, intenti a lavorare il marmo senza le dovute precauzioni. Anche in quest’ultimo caso si è quindi proceduto al sequestro dei locali e delle attrezzature e alla denunce penale del responsabile dell’attività per la violazione delle norme del testo unico in materia ambientale, oltre all’irrogazione delle sanzioni amministrative per l’esercizio abusivo dell’attività. Salgono pertanto a ben 62 le aziende sequestrate dalla Guardia di Finanza di Caserta per violazioni ambientali ed abusivismo commerciale dal 2017 in poi, ed in tutto più di 80 i soggetti denunciati oltre a lavoratori in nero scovati. Nel complesso, trattasi di autocarrozzerie (15), calzaturifici (9), officine di autoriparazione (5), falegnamerie (5), laboratori di lavorazione del ferro (5) e siti di raccolta di rottami metallici (3), oltre a rivenditori di pneumatici, autolavaggi, autodemolitori, opifici per la lavorazione del pellame, rivenditori di abiti usati e, oggi, anche un marmista.

Stampa

comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

menu
menu