Caserta / Provincia. Allarme per l’olivicoltura campana dopo l’accordo di filiera Coldiretti-Federolio: non riconosciuto il giusto valore all’olio extravergine d’oliva campano.

“L’accordo di filiera Coldiretti-Federolio non riconosce il giusto valore all’olio extravergine d’oliva campano e serve a sdoganare le miscele di oli italiani con oli comunitari ed extracomunitari: la Campania olivicola darà battaglia per tutelare la dignità dei produttori, il futuro del prodotto e la salute dei consumatori”. Così i presidenti delle più importanti Organizzazioni di Operatori olivicole regionali, che hanno fortemente criticato l’accordo siglato a Roma tra Coldiretti e Federolio: Associazione Olivicoltori Casertani, ORO Campania – Organizzazione Regionale Olivicoltori della Campania Soc. Coop. Agr., Associazione Olivicoltori Sanniti Soc. Coop. Agr., C.P.O. Consorzio Provinciale Olivicoltori Soc. Coop. Agr., AIPO – Associazione Irpina Produttori Olivicoli Soc. Coop. Agr.). Rincara la dose il Segretario Generale di Coldiretti, Vincenzo Gesmundo: “il massimo del Made in Italy è quella industria che possa dimostrare che all’interno dei suoi blend c’è almeno il 50% di olio extravergine d’oliva italiano”. Ancora, per i presidenti delle OP:  “Questa filiera è un fake che ha un unico obiettivo: uccidere la produzione olivicola. È’ a rischio il futuro di migliaia di famiglie campane che vivono grazie all’eccellenza di questo prodotto, simbolo della dieta mediterranea. Alcune industrie, grazie a questa filiera farlocca, acquisterebbero olio extravergine d’oliva italiano a 4 €/Kg, ben al di sotto dei costi medi di produzione che in Campania si aggirano intorno ai 4,8 €/Kg. Il nostro prodotto, simbolo del Made in Italy, emblema di storia e cultura del territorio, come si evince da interviste e dichiarazioni verrebbe utilizzato per sdoganare il progetto Italico, miscela di oli italiani con oli comunitari ed extracomunitari, tanto caro ad alcune aziende e ai vertici di Coldiretti”. “Ci opporremo con tutte le forze perché non possiamo consentire a Coldiretti e Federolio di mettere sul lastrico, attraverso la svendita dell’olio extravergine d’oliva, migliaia di olivicoltori campani. Invitiamo i produttori, i consumatori e tutti i cittadini a sottoscrivere la petizione lanciata dal Consorzio Nazionale degli Olivicoltori a tutela dell’olio extravergine d’oliva italiano, dei produttori e della salute dei consumatori per lanciare un messaggio forte al Governo Nazionale affinché prenda le distanze da questo attentato al Made in Italy”.

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

menu
menu