Caserta / Provincia. E Magliocca si presenta agli elettori: “Da due anni faccio parte dell’ala moderata”.

Prove tecniche di grande centro anche in Provincia di Caserta. Zannini: “recuperato il grande disastro finanziario lasciato da una gestione Zinzi, dunque va data continuità a questa filiera istituzionale“.

”Il mio un percorso che parte da lontano, che matura giorno dopo giorno – tiene subito a precisare il Presidente uscente della Provincia di Caserta Giorgio Magliocca e ricandidato alla Presidenza, nella conferenza stampa di presentazione stamane, a Caserta, unitamente ai riferimenti politici dei “Moderati” di Zannini, “Italia viva” di Caputo e Santangelo e “Noi Campani” di Bosco, Iodoce e Mastella. Al voto del prossimo 18 dicembre il sindaco di Pignataro Maggiore sfiderà il collega sindaco di S. Maria C.V., Antonio Mirra, sostenuto dal Pd, ed il primo cittadino di Caiazzo, Stefano Giaquinto, espressione invece del centrodestra. “La nostra scelta? Una scelta naturale, condivisa all’interno del nostro gruppo politico, ma anche progettualità politica per questa Provincia: porre al centro le istanze dei moderati, con Magliocca che si era già avvicinato alle posizioni del Presidente De Luca, – sottolinea l’assessore regionale all’agricoltura, Nicola Caputo. Di “massimo impegno possibile per Magliocca sui territori, sugli amministratori – ha parlato nel suo intervento il Presidente della Commissione regionale Ambiente, Giovanni Zannini. Una scelta, quella di Magliocca, maturata non per l’occasione, ma nel tempo, con una collaborazione istituzionale che va avanti già da un bel pò di tempo. Una persona che ha interpretato bene il ruolo di Presidente della Provincia: ha recuperato il grande disastro finanziario lasciato da una gestione Zinzi, dunque va data continuità a questa filiera istituzionale. Si afferma oggi un laboratorio politico, c’è voglia di centro, c’è voglia di una stagione nuova, di un rapporto moderato con i territori e con gli amministratori: noi siamo qui per questo tipo di fabbisogno. Siamo qui per parlare con tutti – ha continuato l’avv. mondragonese – perchè è una piattaforma aperta a tutti quanto quelli che no si riconoscono nella proposta che ha fatto il Pd ed in quella del centro destra“. “La nostra una proposta di continuità amministrativa, in questi 4 anni un lavoro straordinario, percorso fino adesso – continua il Presidente uscente, Magliocca – che non ha fatto solo Giorgio Magliocca, ma hanno fatto 32 consiglieri provinciali che si sono alternati in due esperienze per la gran parte di centro sinistra, dunque risultati raggiunti non solo da Magliocca ma da un intero Consiglio provinciale che è stato di centro sinistra. La nostra una competizione sana che possa guardare anche al panorama politico nazionale. Questo è il momento che tanti amministratori e politici aspettavano; grazie ai presenti che hanno messo da parte le loro ambizioni, aspirazioni per mettersi attorno a Magliocca ed al buon governo di questi 4 anni. Usciti dal dissesto finanziario: oggi una Provincia sana dal punto di vista amministrativo, economico”.

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

menu
menu