CASTELLO DEL MATESE. Comune e Consorzio Laocoonte collaborano all’aggiornamento del Piano colore.

La società consortile, formata da 16 Enti Comunali dell’Alto Casertano e impegnata da anni in attività di recupero e valorizzazione dei centri storici e dei paesaggi antropici e naturali locali. Il CDA è composto da Maurizio De Simone di Teano (presidente), Marcellino Iannotta di Piedimonte Matese e Antonio della Rocca di Alvignano (componenti).

di Ilaria Pontillo

La scorsa settimana il CONSORZIO DI RICERCA LAOCOONTE ha consegnato al Comune di Castello del Matese, nella figura del signor SINDACO ING. ANTONIO MONTONE, l’aggiornamento del Piano del Colore del centro storico. La società consortile, formata da 16 Enti Comunali dell’Alto Casertano e impegnata da anni in attività di RECUPERO E VALORIZZAZIONE DEI CENTRI STORICI e dei paesaggi antropici e naturali locali, era stata incaricata nei mesi scorsi della stesura del progetto teso all’aggiornamento del Piano del Colore per l’edilizia storica del Comune e alla definizione degli interventi urbanistici di recupero nell’ambito del centro storico. Il gruppo di ricerca di Laocoonte Scpa, coordinato dal DIRETTORE ARCH. MARIANO NUZZO nell’ambito del Progetto finanziato dalla Regione Campania intitolato “_Studi e ricerche sui beni culturali e paesaggistici per lo sviluppo turistico delle aree territoriali della Regione Campania_”, ha effettuato rilievi con mezzi aerei APR delle aree del centro storico per il monitoraggio delle condizioni di rischio e analizzato il tessuto urbano storicizzato, individuando le cromie originali e definendo schemi progettuali di intervento sulle facciate rispettosi delle tecniche tradizionali locali. «Un lavoro professionale del quale mi congratulo», afferma il Sindaco Montone, «e che credo sia esempio del tipo di SUPPORTO NECESSARIO che il Consorzio Laocoonte può dare ai piccoli Comuni per progettare sul territorio e, soprattutto, poter ACCEDERE AI FINANZIAMENTI PUBBLICI IN MANIERA PIù CONSAPEVOLE».

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

menu
menu