DRAGONI. Forno crematorio e direzione scolastica, ecco come stanno le cose: l’intervento dell’europarlamentare Andrea Cozzolino.

“Si tratta di un’opera legittima sotto il profilo giuridico, ma è pur vero che visto il numero sempre più crescente in Campania, la Regione deve provvedere ad una legge regionale a completamento della normativa nazionale”.

“Il 20 dicembre scorso, con l’amico fraterno Luca Romano, come spesso facciamo insieme, ho incontrato una serie di amministratori e cittadini del Matese, tra cui a Dragoni la consigliera comunale dott.ssa Antonella D’Aloia ed una delegazione di genitori – l’intervento dell’europarlamentare Andrea Cozzolino. Tra le varie perplessità legate alla vicenda del distretto scolastico, ho avuto modo di ascoltare anche la questione legata alla preoccupazione legata al forno crematorio relativa al Comune di Dragoni; come ho avuto modo di spiegare ai cittadini, è ovvio che si tratta di un’opera legittima sotto il profilo giuridico, ma è pur vero che visto il numero sempre più crescente in Campania dei suddetti forni crematori, la Regione deve provvedere all’istituzione di una legge regionale a completamento della normativa nazionale (legge n. 130 del 30 Marzo del 2001) al fine di garantire al massimo la tutela dei cittadini. Sarà mio compito sollecitare la Regione in tal senso. Su quanto sia importante poi il lavoro fatto da associazioni di categoria come la Fish Campania relativamente i temi delle politiche sociali, non deve certo essere spiegato, e chi tra gli amministratori pubblici non lo sa, farebbe bene ad informarsi”.

Stampa

comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

menu
menu