DRAGONI. Quanti contagiati covid ci sono in giro e l’Asl non li conosce? I dubbi del sindaco Lavornia, gli obblighi delle strutture private.

Non siate egoisti!! La tempestività blocca il diffondersi del virus” (nella foto, i tamponi che si stanno eseguendo presso l’ex Complesso dei Salesiani a Piedimonte Matese).

“Avviso alla Cittadinanza – Emergenza covid – recita una nota appena diffusa dall’Ente Comune di Dragoni con la quale il sindaco Silvio Lavornia esorta “i concittadini che si sottopongono a tampone presso strutture private che gli accertano la positività al Covid-19, sono pregate di inviare il certificato che accetta la positività, indirizzo di residenza e contatto telefonico al seguente indirizzo mail del Dirigente Asl gennaro.borruso@aslcaserta.it e al sindaco di Dragoni sindaco@comune.dragoni.ce.it o tramite cell 3482413910″. Ma quanti cittadini realmente lo fanno? Quanti non trasmettono queste informazioni? Come fa l’Asl e le strutture pubbliche ad appurare? Sono dati che vanno, pertanto, ad incrementare i numeri già drammatici di una epidemia in corso? “Non siate egoisti!! La tempestività blocca il diffondersi del virus – conclude la nota del primo cittadino di Dragoni. In realtà, i dubbi del sindaco Lavornia andrebbero fugati ricordando una semplice regola tutt’ora vigente: ogni tipo di struttura, privata o pubblica che sia, ha l’obbligo di comunicare i dati dei tamponi eseguiti, nominativo e relativo esito, e caricarli in una piattaforma online che raccoglie, pertanto, ed analizza ogni tipo di informazione in tal senso.

Stampa

Lascia un commento comment2 commenti
  1. Novembre 13, 11:24 Anonimo

    Invece che della caccia,agli untori, diventata attività principale di chi ha gravi malefatte da coprire….rivolgete energie ai problemi reali, delle
    comunita’, quelli che in tanti anni non avete ne’ saputo ne’ avuto vedere. State creando un clima di odio e di paura che non serva a nessuno. Non è questo il modo di farsi campagna elettorale!

    reply Reply this comment
  2. Novembre 12, 20:43 Anonimo

    Penso che ci sono molti contagi..il dio denari la fa da padrone..a Piedimonte Matese..ce un bar a via VINCENZO CASO..che in piena paura covid..per i tanti contagiati..pranzavano gli operatori che consegnano pacchi..GLS. attualmente in quarantena.. Dio solo sa quando si sono fermati..e per quanto tempo hanno consegnato..prima che gli venissero effettuati i tamponi…e cosi gira e rigira..uno infetta l’altro..mi chiedo come si fa ad individuare..chi è stato in contatto.con questi operatori!! Le attività di bar nn si dichiarano..se sono positivi o meno..per paura che nn gli chiudono l’azienda..fanno finta di niente e continuano a rimanere aperti.e chi se ne frega degli altri!!

    reply Reply this comment
mode_editLascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

menu
menu