PD in provincia di Caserta, ennesina farsa primarie: il candidato scelto dal Premier Renzi getta la spugna: è caos totale.

cappello de lucacozzolino

Ma che figuraccia il Premier Matteo Renzi, che ha voluto mettere becco nelle “beghe politiche campane”, con un nome calato dall’alto, che nulla sapeva, e sa, dei problemi di questa Regione.

Ennesimo colpo di scena in vista delle elezioni primarie del centrosinistra per la scelta del candidato alla carica di governatore della Regione Campania che andrà a sfidare l’uscente Stefano Caldoro (Forza Italia):  Gennaro Migliore, un passato in Rifondazione Comunista (abbandono del partito), quindi un passato in SEL (fuoriuscita dal partito dopo la rottura con il leader Vendola), adesso nel PD, almeno temporaneamente (in rotta anche qui?, in attesa della decisione di qualche sindacalista della Fiom di scendere in politica), dopo un incontro proprio col Premier Renzi, da lui indicato come governatore, ha comunicato il ritiro dalla corsa. Le elezioni, salvo ulteriori colpi di scena, dovrebbero tenersi il prossimo 1 marzo. “C’è un clima di tensione altissima, queste primarie sono ormai compromesse”, è stato il commento di uno dei suoi collaboratori che lo hanno accompagnato in questi giorni di campagna elettorale. Restano in campo, a questo punto, Vincenzo De Luca e Andrea Cozzolino per il Pd, Marco Di Lello del Psi e Nello Di Nardo dell’Italia dei Valori.

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

menu
menu