PIEDIMONTE MATESE. Giudice di pace, domani giovedì 20 maggio ore 15:30 presso la Casa Comunale incontro per definire la convenzione per la Gestione Associata dell’Ufficio.

Forte è stato fino ad ora l’impegno del “Comitato per il mantenimento dell’Ufficio del Giudice di Pace di Piedimonte Matese”, ma da sottolineare anche gli input politici, a cominciare da…

Scongiurata la chiusura dell’Ufficio del Giudice di Pace di Piedimonte Matese, inevitabile per la carenza di personale che avrebbe dovuto gestire gli Uffici, si tenta almeno per l’immediato futuro la gestione associata dell’Ufficio stesso con costi che dovrebbero essere distribuiti tra tutti i Comuni ricadenti nell’ambito di giurisdizione. Per questo, per domani, giovedì 20 maggio 2021 a partire dalle ore 15:30 presso la Casa Comunale di Piedimonte Matese, è stato organizzato a tal proposito un incontro ove verrà affrontato l’argomento. Forte è stato fino ad ora l’impegno del “Comitato per il mantenimento dell’Ufficio del Giudice di Pace di Piedimonte Matese”, ma da sottolineare anche gli input politici, a cominciare da quello di Francesco Imperadore, nella duplice veste di sindaco del Comune di San Potito Sannitico e Presidente della Comunità Montana Zona del Matese. Ed è proprio da quest’ultimo Ente che sono stati “smistati” dipendenti che, in virtù di specifiche convenzioni, hanno consentito la “sopravvivenza” della struttura giudiziaria almeno fino ad ora. Come pure quello del consigliere regionale on. Giovanni Zannini, che si è reso disponibile fin da subito a creare le condizioni affinchè si potesse giungere ad una soluzione condivisa. Infatti, a seguito di apposita istanza formulata dal Comitato, è stato proprio l’avvocato di Mondragone ad organizzare un incontro, tenutosi il 27 aprile presso il Palazzo di Giustizia, con la Presidente del Tribunale di S. Maria C.V. dott.ssa Maria Gabriella Casella, incontro nel corso del quale la Presidente, dopo aver attentamente analizzato il contenuto delle richieste formulate dal Comitato, ha formalmente condiviso il percorso intrapreso che prevede il coinvolgimento di tutti i rappresentanti politici dell’Alto Casertano. A seguito di numerosi incontri tenutisi tra il Comitato e la Segretaria Generale dott.ssa Carmela Balletta e con il sub-Commissario Prefettizio dott.ssa Carla Teofili del Comune capofila di Piedimonte Matese, è emersa l’urgenza e la necessità di riunire tutte le forze politiche territoriali. E l’incontro di domani, a cui sono stati invitati tutti i Sindaci ed il Presidente della Comunità Montana Matese, è considerato come una occasione epocale per la quale si auspica la massima disponibilità ed assoluta sensibilità di tutti i rappresentanti politici del Matese, ai quali è demandata la responsabilità di evitare la soppressione dell’unico presidio di giustizia rimasto sul territorio matesino, già ampiamente depredato di numerosi uffici pubblici.

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

menu
menu