PIEDIMONTE MATESE / ALVIGNANO. Consorzio Bonifica, ospedale e sviluppo del territorio: stamane arriva Giovanni Zannini.

Consiglieri fermi per giungere alla votazione e portare alla carica di vertice del Sannio Alifano finalmente un presidente democraticamente eletto.

Sarà una mattinata dedicata alle problematiche del territorio quella che il consigliere regionale Giovanni Zannini impegnerà, quest’oggi, nel matesino. Tanti i motivi di discussione con gli amministratori locali, a cominciare dalla nuova governance del Consorzio di Bonifica dove, alla luce dell’ultimo atto di sfiducia firmato nei confronti del presidente (solo nominato ma mai eletto democraticamente – Alfonso Santagata di Alife, ndr) da ben 20 componenti il Consiglio generale (tra cui diversi componenti proprio la deputazione amministrativa), si rafforzerà la linea di opposizione per arrivare compatti all’appuntamento di domani sera, lunedì 31 maggio 2021, a partire dalla 18:30, quando il Consiglio dei delegati si riunirà in assise plenaria innanzitutto per ratificare i nuovi tre membri nominati dalla Provincia; quindi, nell’ordine, eleggere il nuovo presidente appunto, approvare il Bilancio di previsione 2021 ed il  POV, Piano del personale (ex pianta organica). “Sarebbe davvero un peccato che l’attuale Consiglio dei delegati uscente, rinnegando i propri oggettivi meriti e senza chiare motivazioni che non siano degli inesistenti cavilli giuridici, andasse ora a scompigliare l’assetto dell’Esecutivo – ha sottolineato con una nota, ieri, lo stesso Santagata – con la stagione irrigua in pieno svolgimento e le difficoltà dell’emergenza sanitaria ancora in atto, che dovrebbe viceversa essere sostenuto e incoraggiato ad impegnarsi ancora di più, in questi ultimi mesi di mandato, per il bene e il progresso del territorio e dei propri consorziati”. Dal canto loro, i consiglieri sono fermi per giungere alla votazione e portare alla carica di vertice del Sannio Alifano finalmente un presidente democraticamente eletto. Motivo di incontro dell’on. di Mondragone, atteso in un noto locale di Alvignano, saranno anche la questione nosocomio di Piedimonte Matese e le occasioni di rilancio della struttura ospedaliera (tra pochi mesi attesa la nomina del nuovo direttore sanitario), oltre questioni di carattere territoriale, come le nuove elezioni amministrative a cui diversi centri dell’Alto casertano sono chiamati nell’autunno prossimo.

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

menu
menu