PIEDIMONTE MATESE. Crollo alla Chiesa Santa maria Maggiore, il giorno dopo: l’area viene sottoposta a sequestro giudiziario. TUTTE LE FOTO.

piedimonte matese santa maria maggiore crollo 2015 9Un mazzo di crisantemi, bianchi, gialli e viola, sono stati deposti oggi, giorni di ricorrenza di Ognissanti. Già avviate, intanto, le indagini da parte della Procura della Repubblica del competente Tribunale di S. Maria C.V.

Vietato il transito veicolare e pedonale nell’area antistante la Chiesa di Santa Maria Maggiore, in Via San Marcellino, per tutte e tre le rampe, per le operazioni di messa in sicurezza luogo e sgombero delle macerie. La disposizione ha decorrenza immediata e fino a nuove disposizioni al riguardo: ecco l’ordinanza del Comune di Piedimonte Matese (la numero 84 del 31 ottobre 2015) a firma del responsabile dell’Ufficio, Anna Maria Ferraro. Saranno ora le indagini, già avviate da parte della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere (Pm Carlo Fucci), a far luce sul caso, e sopratutto sulla morte dei due operai, Antonio Atzeni di Casoria ed Albino Tammaro della frazione Calvisi di Gioia Sannitica. Per i due operai, caduti dall’impalcatura, certamente spinta giù da un vento forte, è stato accertato che non indossavano né caschi protettivi né tanto meno imbracatura, ma forse non si sarebbero comunque salvati visto che sono caduti da un’altezza di circa 15 metri.

piedimonte matese santa maria maggiore crollo 2015 1 piedimonte matese santa maria maggiore crollo 2015 2 piedimonte matese santa maria maggiore crollo 2015 3 piedimonte matese santa maria maggiore crollo 2015 4 piedimonte matese santa maria maggiore crollo 2015 5 piedimonte matese santa maria maggiore crollo 2015 6 piedimonte matese santa maria maggiore crollo 2015 7 piedimonte matese santa maria maggiore crollo 2015 8 piedimonte matese santa maria maggiore crollo 2015 10 piedimonte matese santa maria maggiore crollo 2015 11

Stampa

comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

menu
menu