PIEDIMONTE MATESE. Il copertone non si può riparare, la macchina ha esaurito il suo ciclo: già prenotato l’acquisto di una nuova. Ecco la richiesta del Consiglio al Sannio Alifano.

E pensare che la ormai ex maggioranza aveva fatto passare la precedente richiesta, con conseguente consiglio deserto, come un incidente di percorso.

Sfiduciato Santagata: c’è un’altra maggioranza in senso al Consorzio di Bonifica del Sannio Alifano dopo che, stamane, ben 12 componenti il Consiglio generale dei delegati hanno protocollato una nota con la quale, nei fatti, chiedono allo stesso presidente (fino a ora solo nominato ma mai democraticamente eletto) di convocare con urgenza l’assemblea del Consorzio stesso (ora i canonici 20 giorni oppure convocazione d’Ufficio). Andata deserta quella della settimana scorsa (28 aprile), quando solo 7 consiglieri avevano chiesto l’Assise, stavolta sono in 12 a richiederla, per discutere tutti i punti già calendarizzati. Ma ecco gli argomenti posti all’Ordine del giorno: esame ed approvazione del bilancio preventivo 2021; il POV, nuovo Piano di Organizzazione Variabile del personale; nomina del secondo membro supplente del Collegio dei revisori dei Conti; presa d’atto del D.P. della Giunta Regionale Campania (n. 35 del 16.02.2021) di nomina di tre delegati designati dalla Provincia di Caserta quali membri di diritto del Consiglio (sono Alberto Pacelli su indicazioni del consigliere regionale Zannini, Alfonso Navarro su indicazioni del collega consigliere Oliviero e Linda Stocchetti, voluta dal Presidente della Provincia, Magliocca); quindi, elezione del nuovo presidente, punto questo letteralmente “sfilato” all’ultimo momento nella richiesta precedente giacchè, nel frattempo, il numero dei richiedenti era sceso al di sotto del numero legale. Andata deserta la conseguente seduta per mancanza del numero legale, la ormai ex maggioranza aveva fatto passare la questione come un “incidente di percorso”.

ECCO LA GIUSTIFICAZIONE ADDOTTA DALLA COLDIRETTI

“In merito alle notizie comparse su alcuni organi d’informazione online, relativi al mancato raggiungimento del numero legale nella seduta di approvazione del bilancio del Consorzio di Bonifica Sannio Alifano, la Coldiretti di Caserta precisa che le assenze dei consiglieri delegati Massimo Landino e Franco Della Rocca sono ascrivibili a motivi personali e di salute. Come si può riscontrare dalle note inviate al Consorzio, i consiglieri in quota Coldiretti sono al di sopra di ogni sospetto malizioso che voglia insinuare mancanza di fiducia nei confronti del presidente Alfonso Santagata, a cui si ribadisce pieno e convinto sostegno. Ogni tentativo maldestro di strumentalizzazione nei confronti di Coldiretti si infrangerà sempre contro un fronte compatto. Coldiretti Caserta invita a verificare sempre presso i propri organismi dirigenti la fondatezza di notizie che altrimenti diventano vuota speculazione”.

Ed eccolo il “fronte compatto”, la “fondatezza delle notizie” e la “vuota speculazione”: tutti i 12 firmatari la sfiducia (regia politica impeccabile del consigliere regionale Giovanni Zannini) con, tra essi, significativa la presenza, oltre che del sindaco di Alvignano, Angelo Francesco Marcucci, del vice presidente la Deputazione stessa, Luigi Bergamin di Alife; Franco Della Rocca, componente la Deputazione ed esponente della Coldiretti fino ad ora maggioranza; Alfonso Simonelli, assessore e vice sindaco al Comune di Alife dove alla poltrona di sindaco siede la consorte proprio del presidente del Sannio Alifano, ora sfiduciato. Sono Resso Pasquale, Battaglino Carmine, Buonfiglio Michele, Macario Antonio, Simonelli Giuseppe, Bergamin Luigi, Renzo Michele, Simonelli Alfonso, Pacelli Antonio, Marcucci Angelo Francesco, Della Rocca Franco e Squeglia Pietro.

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

menu
menu