PIEDIMONTE MATESE. La Diocesi di Alife – Caiazzo chiarisce in merito alle accuse sulla tragedia che ha portato alla morte due operai. Concluse intanto le autopsie sui loro corpi: domani alle 14,00 i funerali di Albino Tammaro alla Chiesa di Calvisi.

piedimonte matese santa maria maggiore crollo 2015 2Questa la nota con cui la Diocesi di Alife – Caiazzo intende precisare alcune notizie definite “infondate, fuorvianti e leggere”. Indagati i due titolari delle ditte che stavano eseguendo i lavori (nella foto, l’impalcatura ancora a terra al cantiere sequestrato dalla Procura).

piedimonte-matese-santa-maria-maggiore-crollo-2015 20” La diffusione di notizie destituite di fondamento sul tragico incidente occorso sabato scorso nel cantiere della Basilica di Santa Maria Maggiore, impone di fornire talune precisazioni per evitare fuorvianti ricostruzioni dell’accaduto o, peggio ancora, miserevoli strumentalizzazioni.

  1. Quella più volte indicata come “ordinanza di sospensione” del Comune di Piedimonte, è in realtà una semplice nota, prot. n.2698A.T.13842 del 27/10/2015, con la quale vengono richiesti taluni chiarimenti, tra l’altro già riscontrati, di tipo puramente formale che nulla hanno a che vedere con l’allestimento del cantiere ovvero la sua sicurezza;
  2. tale nota è stata assunta dal Comune fuori termine, vale a dire ben oltre i 30 giorni previsti dall’art.19, commi 3 e 6 bis, della L. n.241/1990;
  3. tale atto, diversamente da quanto più volte affermato in alcuni articoli di stampa, non è stato mai notificato al committente o al direttore dei lavori, essendo stato semplicemente spedito a mezzo del servizio postale ad una sola delle parti e soltanto il giorno prima dell’incidente;
  4. non risponde al vero che l’Impresa esecutrice sarebbe priva dei requisiti di legge previsti per l’affidamento dei lavori; la Società “Alma service” possiede, infatti, la qualifica richiesta dalla normativa vigente – ossia l’OG2 – mentre la qualifica OS2 è richiesta unicamente per i lavori di restauro dell’apparato decorativo e del ballatoio ligneo dell’organo, interventi questi ultimi non ancora attivati essendo necessario dapprima il completamento delle opere di consolidamento statico e messa in sicurezza.

La Diocesi, dopo aver espresso i sensi del più profondo cordoglio per quanto accaduto, garantisce – come già espressamente dichiarato dal Vescovo Mons. Valentino Di Cerbo la totale collaborazione con gli Organi inquirenti unici abilitati a ricostruire la dinamica dell’incidente e la individuazione di eventuali responsabilità”.

Stampa

comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

menu
menu