PIEDIMONTE MATESE. “Ora tutti vogliono dimettersi e tutti vogliono sfuggire alle loro responsabilità, ma penso sia troppo tardi”: la nota del gruppo “SiAmo Piedimonte”.

“Le dimissioni in uno studio Notarile non sono un atto politico, ma un atto di vigliaccheria – scrive Carlo Grillo.

“Ora tutti vogliono dimettersi e tutti vogliono sfuggire alle loro responsabilità, ma penso sia troppo tardi. Le dimissioni in uno studio Notarile non sono un atto politico, ma un atto di vigliaccheria. Per rispetto dei cittadini ai quali rispondiamo, è in Aula che ognuno di noi deve esporre le proprie ragioni, con coraggio e trasparenza, formulando anche le necessarie critiche e, soprattutto, autocritiche. Se, come detto, il 27 luglio si terrà il Consiglio Comunale (per la cui convocazione mi sono personalmente attivato, dando disponibilità da Consigliere anziano), l’ipotesi di bilancio stabilmente riequilibrato – anni 2019/2023 – potrà essere approvata o meno, ma il minuto dopo ogni Consigliere potrà depositare le proprie dimissioni nelle mani della Segretaria Comunale. Si misurerà lì, davanti alla Città, la coerenza di ognuno di noi, ed è ciò che il gruppo “SìAmo Piedimonte” è pronto a fare. Porterò personalmente, in quella sede, gli stampati precompilati per i Consiglieri che, come affermano da tempo, intendono dimettersi. Con la coerenza di sempre, siamo pronti a porre fine a questa logora situazione amministrativa, andando così alle urne a settembre, consentendo ai cittadini di votare in tempi brevi e in piena, doverosa consapevolezza dell’operato dei loro rappresentanti. Ci vediamo in Consiglio, avendo come unico obiettivo della nostra azione sempre, solo e soltanto il bene di Piedimonte – conclude la nota del consigliere comunale di minoranza, Carlo Grillo, anche capogruppo di “SiAmo Piedimonte”

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

menu
menu