ROCCHETTA E CROCE / FORMICOLA. Domenica 25 Marzo 2018 escursione sui Monti Trebulani, Monte Maggiore ed i suoi Eremi.

Direttore dell’escursione sarà Pasquale Iadicicco, il percorso avrà un dislivello di 470 metri e durata di 6 ore circa, soste incluse, per una lunghezza complessiva di 7 Km. Appuntamento con auto proprie alle 8.30 al Casello Autostradale di Capua.

Percorrendo antichissimi sentieri e mulattiere si può arrivare fino al santuario di San Salvatore e all’eremo di Madonna di Fradejanne. Questi eremi sono raggiungibili dal piccolo borgo abbandonato di Croce (raggiungibile dal comune di Rocchetta o da Formicola) noi saliremo da Rocchetta ormai borgo disabitato. L’ascesa comincerà dalla località Croce (575m) percorrendo il sentiero religioso che porta fino all’Eremo di San Salvatore a quota (860m). Dopo la dovuta sosta presso la chiesetta di San Salvatore si salirà, mediante un sentiero alquanto ripido fino alla cima del Monte Maggiore (1037m) attraversando boschi di querce e frassini. Il panorama che potremo osservare, meteo permettendo ed in assenza di foschia, sarà caratterizzato dalle cime del Monte Miletto, del Monte Gallinola, il Golfo di Napoli, il Vesuvio, Capri, Ischia ecc. Sarà puro divertimento, anche perché su alcuni tratti del percorso che porta alla vetta bisogna quasi arrampicarsi… il sentiero è ben segnato e per questo ringraziamo chi si è prodigato per il buon lavoro svolto. Sulla via del ritorno sosteremo presso l’Eremo di Fradejanne che si affaccia sulla piana di Pietramelara, con punti di osservazione sulla pianura del Medio Volturno ed in lontananza, con scorci sul castello di Roccaromana e le vette del Matese. Sarà sicuramente una bella escursione tutta quasi per i boschi e ricca di storia. Il percorso è adatto a persone allenate.

CENNI STORICI SUGLI EREMI: EREMO DI SAN SALVATORE – Su una rupe a 850 mslm sorge l’eremo di San Salvatore, con lo sguardo rivolto alla valle di Formicola e in lontananza al golfo di Gaeta. Il santuario risale al primo decennio dell’anno 1000 ed è stato alloggio per diversi anni di San Tommaso d’Aquino. EREMO DI FREDEJANNE – E’ una piccola cappella sul Monte Maggiore che costituisce testimonianza dei luoghi medidativi dei monaci nel medioevo. Si racconta che Frate Giovanni, detto Fradejanne, nel 1300, permise ai carbonai della montagna di partecipare alla messa domenicale facendo costruire questa piccola cappella dedicata alla Madonna di Fradejanne.

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

menu
menu