San Leucio del Sannio / Ceppaloni. Paura in tutto il Sannio per lo sciame sismico: domani martedì scuole e uffici pubblici chiusi.

Al momento non si registrano danni a cose e persone: allerta in tutti i Comuni. Convocato il COC, Centro Operativo Comunale.

Nuova scossa sismica di magnitudo 3.2 alle 11:27 di stamane sempre con epicentro Ceppaloni: stavolta ad una profondità di 11 chilometri. Ancora, un’altra scossa è stata registrata con epicentro a San Leucio del Sannio di magnitudo 3.1 ad una profondità di 12 chilometri. Alle 12:35, ancora a San Leucio del Sannio, magnitudo 3 ad una profondità di 18 km. Solo 40 secondi dopo, la terra è tornata a tremare a Ceppaloni con una scossa di magnitudo 2.9, ad una profondità di 8 chilometri. Alle 12:52, ennesimo di magnitudo 2.2 con epicentro a San Leucio del Sannio. L’ultima, in ordine cronologico, alle 13:31 (magnitudo 2.3). Per precauzione, i dirigenti scolastici di vari istituti del territorio hanno sospeso la didattica facendo uscire anticipatamente gli studenti.Allertata anche la Protezione Civile, col sindaco Clemente Mastella che ha convocato una riunione del COC (Centro Operativo Comunale) per fare un esame della situazione attuale, disponendo al contempo l’immediata chiusura di tutte le scuole ed uffici pubblici, con anche didattica, sedute di laurea e attività amministrative sospese anche all’Unisannio e al Conservatorio “Nicola Sala”. “Domani i vigili del fuoco e i nostri tecnici effettueranno in tutte le scuole le verifiche opportune per stabilire lo stato di salute degli edifici. Vogliamo dare il massimo della tranquillità a tutti i cittadini. Più di tanto rispetto al terremoto non si può fare”. Il presidente della Provincia Antonio Di Maria ha disposto che le aree museali ed espositive di proprietà, comprese quelle che in questi giorni ospitano eventi estemporanei restino chiuse al pubblico e tutte le iniziative già programmate rinviate. Il Prefetto di Benevento ha disposto, per la giornata odierna, la chiusura di tutti gli Uffici periferici dello Stato – ad esclusione dei servizi essenziali, di ordine e di sicurezza pubblica e di soccorso, ai sensi della normativa vigente e al solo fine di mitigare gli effetti di preoccupazione diffusasi tra la popolazione.

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

menu
menu