Terremoto nel matese. Alife, le altre Chiese del territorio sono ok: San Michele, vecchia e nuova, Totari, San Sisto e la Madonna delle Grazie. Inaccessibili al pubblico restano solo la Cattedrale e Santa Caterina.

Terremoto 2013_3734Terremoto 2013_3737 Terremoto 2013_3740Terremoto 2013_3741 Terremoto 2013_3743Terremoto 2013_3744

Sindaco Avecone e vice Sindaco Venditti sempre in prima linea a seguire le verifiche alle strutture del paese. Il Sindaco accompagna i tecnici con l’auto personale (nelle foto, in prima fila i sopralluoghi alla chiesa di Totari, in seconda fila alla chiesa nuova di San Michele, ed in terza fila alla chiesa vecchia della stessa frazione).

Tutte le Chiese di Alife sono accessibili al pubblico. Da un’attenta verifica completata solo questa mattina, 31 dicembre 2013, e cominciata nella giornata di ieri, è risultato che nelle parrocchie del territorio comunale non vi sono crepe o cedimenti tali da necessitare provvedimenti di chiusura, inaccessibilità al pubblico o addirittura di inagibilità. Il gruppo di lavoro C.O.C., Centro Operativo Comunale costituito dal Sindaco della Città di Alife,  Giuseppe Avecone, lavora in sintonia: dopo i sopralluoghi alla Cattedrale Santa Maria Assunta di Piazza Vescovado e Santa Caterina nella omonima piazzetta, chiese risultate entrambe inaccessibili, stamane la task force ha visitato la Chiesa di San Sisto fuori le mura in Via San Sisto, la Chiesa Madonna delle Grazie nelle omonima località, la Chiesa della frazione Totari e quelle della frazione San Michele, la chiesa nuova e la chiesa vecchia. Tutti i santuari sono accessibili al pubblico: non presentano infatti segni evidenti di crepe e lesionature tali da impedirne l’accesso al pubblico. Il gruppo di lavoro di stamane era costituito dal Sindaco Giuseppe Avecone e dal vice Sindaco Gabriele Venditti, sempre in prima linea a seguire le verifiche alle strutture del paese, dai tecnici comunali, l’arch. Ermelinda Corbi in qualità di responsabile area lavori pubblici ed il geom. Claudio Accarino in qualità di responsabile area assetto del territorio ed ambiente, i funzionari del Comando vigili del fuoco di Avellino, e l’arch. Schiavone, funzionario del MIBAC, Ministero dei beni culturali.

Stampa

comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

menu
menu