Amorosi. 37enne rumeno ruba ponteggi da un cantiere in costruzione; tenta la fuga e si oppone all’arresto.

DIGITAL CAMERA

I militari durante il servizio di pattuglia nel transitare in quel centro, hanno notato il cancello di un cantiere edile forzato e completamente spalancato. Insospettiti, hanno fatto accesso ed hanno notato l’individuo che stava caricando alcuni materiali su di un moto ape.

Nell’ambito dei potenziati servizi di controllo del territorio nella valle Telesina predisposti dal Comando Provinciale Carabinieri di Benevento e dalla Compagnia di Cerreto Sannita finalizzati al contrasto del fenomeno dei reati predatori, con particolare riferimento ai furti, i carabinieri di Amorosi hanno arrestato nella nottata un 37enne rumeno, residente ad Amorosi, responsabile del furto di alcuni ponteggi all’interno di un cantiere edile di via Matese. I militari durante il servizio di pattuglia nel transitare in quel centro, hanno notato il cancello di un cantiere edile forzato e completamente spalancato. Insospettiti, hanno fatto accesso ed hanno notato l’individuo che stava caricando alcuni ponteggi, tiranti e pianali in metallo su di un moto ape. Il soggetto alla vista dei militari si è posto alla guida del mezzo ed ha tentato la fuga. Vistosi braccato dai militari ha abbandonato il mezzo ed a piedi ha tentato una disperata fuga nei campi. E’ stato prontamente bloccato dai militari, ma l’individuo allo scopo di sottrarsi all’arresto ha tentato disperatamente di divincolarsi, strattonando i militari e opponendo resistenza. Bloccato è stato condotto in caserma ed è stato dichiarato in arresto per furto e resistenza a p.u.. Il moto ape è stato sequestrato mentre tutta la refurtiva composta da tiranti, pezzi di armatura e varia attrezzistica da cantiere è stata prontamente restituita al legittimo proprietario il titolare del cantiere, un imprenditore edile 64enne di Ercolano, il quale ha ringraziato i militari per il recupero del materiale del valore commerciale di circa 3.000,00 euro. L’arrestato dopo le formalità di rito, è stato tradotto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione.

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

menu
menu